Grande piatto con Dionysos Eydendros

MUVIT Museo del Vino

Joe Tilson
refrattario maiolicato
1983

La maschera era presenza apotropaica appesa agli alberi in antichi rituali. È identificata con Dionysos, non solo in collegamento all’origine del teatro (di cui la maschera diviene simbolo) e ai riti dionisiaci ad esso correlati, ma nella sua accezione originaria di forza preposta alla vegetazione che solo più tardi evolverà in divinità della vite e del vino. La maschera che emerge dal verde fogliame e la scritta Dionysos Eydendros in caratteri greci rimandano al dio Signore dell’Albero menzionato da Plutarco. Le vistose dimensioni del piatto e l’intensità dei toni materializzano la dirompenza della linfa vitale.

L’inglese Joe Tilson, pittore e scultore nonché ceramista proveniente dalla corrente informale, si divide tra Inghilterra, Italia e Isole Egee: sono evidenti le suggestioni del mondo classico che informano tutta la sua opera di “strano dada mediterraneo” attraverso “emblemi di vita” tracciati su terra integra.