Manoscritto di San Giovanni d’Acri

Museo del Capitolo della Cattedrale di San Lorenzo

pergamena
XIII secolo

Il manoscritto, realizzato in pergamena, è un messale e contiene tutte le formule e le norme rituali da impiegarsi durante la celebrazione della messa nel corso dell’anno liturgico. Datato al XIII secolo sulla base dell’analisi stilistica della grafia, un’elegante gotica libraria francese, il manoscritto contiene le parti musicali da cantarsi durante le cerimonie ed è corredato da splendide miniature.

Si ritiene che il codice possa provenire da San Giovanni d’Acri, l’odierna città israeliana di Accra, poiché in una pagina è ricordata la dedicazione di una chiesa di quella città. San Giovanni d’Acri fu sino al 1291, anno della riconquista da parte dei musulmani, città crociata e la sua caduta segnò la cacciata dei franchi dal Medio Oriente. Se l’amanuense usa una scrittura di “stile” francese, il miniatore mostra invece di essersi formato in ambito veneziano, consentendo di immaginare che nell’atelier di produzione collaborassero artisti di diversa provenienza e formazione.