Mitovaso

MACC Museo d’Arte Ceramica Contemporanea di Torgiano

Nino Caruso

Nino Caruso nasce nel 1928 a Tripoli da genitori siciliani. La sua prima esposizione risale al 1956 a Roma, dove si era trasferito due anni prima entrando in contatto con gli artisti di Villa Massimo. Negli anni successivi partecipa a numerose personali e collettive in tutto il mondo. Nel 2015 organizza alla GNAM di Roma la storica mostra La scultura ceramica contemporanea in Italia. Muore a Roma nel 2017; ancora oggi la sua opera è sotto i riflettori con la mostra a Kyoto di gennaio 2020.

La Collezione Caruso riassume i diversi periodi artistici del maestro: le Opere Arcaiche di intento sperimentale, componente ricorrente della sua produzione artistica; steli, colonne e portali documentano il suo rapporto con l’architettura; il tema intitolato Africa Africa ricorda la terra dove l’artista è nato; i Mitovasi, infine, rappresentano il livello memoriale che caratterizza tutto il suo lavoro, influenzato dalle antiche culture mediterranee, richiamato dai segni di un lontano passato con l’omaggio agli etruschi e ai greci. L’artista ricerca forme ed elementi decorativi che, pur ispirati dalla tradizione classica, esulano dalla originaria funzione di contenitori assumendo dimensione scultorea oltre che valore simbolico.